FAQ

Troverete qui di seguito qualcuna delle domande piu' comuni poste al nostro servizio clienti.

  • Chi puo' installare un camino ?

    Poichè ogni installazione è un caso a sé, è vivamente consigliato al cliente di rivolgersi a professionisti che conoscono le norme e la legislazione in vigore. In quanto eseguite da professionisti, le sue prestazioni sono coperte da garanzia decennale.

  • I focolari scaldano ?

    Per definizione, un camino riscalda grazie al fuoco che vi si accende; i focolari metallici come i nostri sono concepiti per irradiare e diffondere il calore. Anche se il nostro primo obiettivo è di ordine estetico, l’acciaio è un ottimo conduttore termico e alcuni modelli possono riscaldare fino a 350m3 contigui. La qualità del legno cosi' come l’installazione del focolare sono essenziali in questo campo.

  • Ci si puo' bruciare ?

    Una stufa o un focolare metallico in funzione puo' raggiungere delle temperature di contatto elevate. Sebbene i bambini siano attirati dalla vista delle fiamme, particolarmente affascinanti per loro, il forte calore emesso dall'impianto basta a respingerli. Ovviamente si consiglia di insegnare ai più piccoli a convivere con un camino in casa. Ma si eviterà di lasciare da solo un bambino piccolo in una stanza in cui è acceso un camino.

    Dal 1970, data della fondazione di Focus, non abbiamo ricevuto notizia di alcuna bruciatura dovuta ad uno dei nostri camini (rif. polizza assicurativa AXA n° 283412004).

     

  • I vetri si sporcano ?

    I vetri sono in piroceramica per resistere ad alte temperature. Come tutti i vetri, bisogna pulirli regolarmente. La frequenza di pulizia dipende da diversi parametri :

    La pratica d’utilizzo del focolare puo' accelerare l’incrostazione dei vetri, a seconda che utilizziate il camino con l’arrivo d’aria e/o la chiave di tiraggio troppo stretta.

    In questo campo è necessario trovare il giusto compromesso. A seconda delle condizioni atmosferiche e della configurazione del vostro camino, bisogna imparare a tarare le giuste regolazioni.

    La qualità del legno e il suo tasso d’umidità rappresentano dei fattori preponderanti. Inoltre, vi sconsigliamo vivamente l’utilizzo di legno proveniente da conifere (pini, abeti, larici…). I vapori e i fumi di resina di questi legni si accumulano molto rapidamente sui vetri e sulle pareti dei focolari e dei condotti, annerendo durevolmente i primi e riducendo considerevolmente se non pericolosamente le sezioni dei secondi.

    Un legno con un tasso d’umidità superiore a 20% libererà più fumi. Dei fumi più pesanti e carichi che si depositeranno più rapidamente sul vetro.

    Un condotto non spazzato regolarmente è anch’esso un fattore aggravante.

    .

  • I camini Focus tirano ?

    Dipende sempre della situazione in cui sarà installato e raccordato il focolare.

    E' il condotto dei fumi che, per la sua lunghezza e sezione, crea una depressione che aspirerà i fumi. Anche il condotto deve essere conforme alla legislazione, in uscita a livello del tetto.

    Per ciascun focolare raccomandiamo una lunghezza minima di condotto (sezione costante ed uguale a quella di partenza dei fumi del focolare); ciò significa poter garantire un buon funzionamento per tutti i nostri focolari installati in condizioni conformi alla legislazione.

    Vi ricordiamo, fra l'altro, che l'arrivo d’aria pulita è indispensabile per il funzionamento di un camino.

  • Quale legno utilizzare ?

    Le varie essenze di legno hanno dei poteri calorifici diversi e non bruciano tutte nello stesso modo.

    Da usare preferibilmente: i legni duri come la quercia, il carpino, il faggio, il frassino. Producono belle fiamme e molta brace che rimane a lungo incandescente.

    Da evitare: le conifere (abete, douglas, picea…). Liberano molto calore, ma si consumano rapidamente; proiettano braci e le resine che contengono sporcano i focolari.

    Da eliminare: per limitare le emanazioni nocive e per mantenere al meglio il focolare, i vetri, il condotto, per rispettare l’ambiente e la vostra salute, non bruciate i seguenti materiali:

    - legno di recupero (armatura edilizia, travi, palchi…),

    - legni trattati o pitturati,

    - ritagli di tavole di legno agglomerato (compensato, stratificato…),

    - casse e palets d’imballaggio,

    - libri, giornali (tranne per l’accensione),

    - cartoni plastificati e tutti i prodotti derivati dalla plastica,

    - carbone

    Non confondete pattumiera e focolare. I rifiuti e detriti possono trasformare rapidamente quest'ultimo in inceneritore dagli odori poco piacevoli, senza parlare dei rifiuti tossici immessi nell’atmosfera…

  • Quale tasso di umidità è raccomandato per la legna da ardere?

    Per ottimizzare il funzionamento del vostro focolare, è essenziale bruciare legna secca. Il tasso di umidità massimo per un ceppo di legno pronto da bruciare è del 20%.

    A seconda delle condizioni di stoccaggio, un legno può essere bruciato tra i 18 e i 24 mesi dopo il suo taglio.

    Le condizioni di stoccaggio del legno sono molto importanti. Il legno deve essere conservato in un posto asciutto e ventilato. L’ideale è depositarlo al riparo, lasciando i lati aperti per una ventilazione efficace. Non posarlo direttamente sul suolo ma su pallet o tasselli di legno perché l’aria circoli.

    Se stoccato in maniera sbagliata, il legno puo’ riprendere dell’umidità. Perde quindi il suo rendimento energetico ed emette inquinanti al momento della sua combustione.

  • Si puo' fare un barbecue ?

    In effetti, il design è compatibile sia con l’utile che con il dilettevole.Molti dei nostri clienti utilizzano il loro focolare per cucinare. Riceviamo regolarmente nuove ricette elaborate da parte dei nostri clienti.

    Le ricette si trovano in un "quaderno di ricette focus" che forniamo su richiesta, gratuitamente.

  • A che punto sono i focolari ad incasso (integrati nella muratura)?

    Tutti i focolari ad incasso devono imperativamente essere installati da professionisti. Il montaggio dei focolari ad incasso impone la presenza di un telaio non infiammabile, isolato dall’interno (lana di roccia, di preferenza). Tutti i telai di questo tipo devono essere correttamente ventilati. Ci saranno dunque obbligatoriamente delle griglie sul cassettone. Per evidenti ragioni estetiche, nella misura possibile, tali griglie devono essere posizionate sulla lastra o dietro il cassettone. Il nostro Ufficio progetti puo' consigliarvi a seconda delle vostre esigenze.

  • Quando si deve spazzare un camino ?

    Allo scopo di evitare pericoli derivati da intossicazione, proteggere le persone e i beni contro eventuali incendi e contrastare l'inquinamento atmosferico, i focolari e i condotti dei fumi devono essere mantenuti in buono stato.

    Per spazzolatura del camino si intende la pulizia eseguita per azione meccanica diretta della parete interna del condotto e del focolare al fine di eliminarne le fuliggini e di assicurare la vacuità del condotto su tutta la sua lunghezza. La spazzolatura meccanica consiste nel passare una (o più) spazzole metalliche o in nylon, più volte su tutta l'altezza del condotto e quindi nel togliere le fuliggini e i depositi caduti ai piedi del condotto.

    La legislazione francese esige in particolare di prevedere due spazzolature all'anno, di cui una almeno durante il periodo d'utilizzo, per i condotti di fumi dei focolari di solito in funzionamento.

    L'impiego di fuoco o di esplosivi è strettamente vietato per quanto riguarda la pulizia dei condotti.

    Le spazzolature e le verifiche devono essere effettuate da installatori o artigiani qualificati, i quali devono rilasciare un certificato di pulitura del camino.

    Va notato che numerose sono le compagnie d'assicurazione che esigono tale certificato in caso d'incidente.

  • Quali garanzie ?

    I nostri focolari sono progettati e fabbricati in Francia.

    Sebbene la legislazione non lo imponga, convinti della qualità dei nostri focolari “prodotti  a mano ” e della loro resistenza nel tempo, tutti i nostri modelli sono garantiti eccezionalmente per 5 anni contro ogni tipo di difetto di progettazione, di struttura o di fabbricazione (esclusa la rottura del vetro e dei pezzi d’usura quali griglie, guarnizioni, piastre di fondo, piastre in vermiculite).

    Focus garantisce allo stesso modo il corretto funzionamento dei suoi focolari dopo uno studio specifico dell’ambiente in cui gli stessi verranno installati. 

Avete una domanda ?

In questa rubrica ci sforzeremo di rispondere a tutte le vostre domande.
Sappiate pero' che una rubrica FAQ, contenente la maggior parte delle domande che ci ponete, è a vostra disposizione su questo sito insieme a :

Non avete trovato la risposta alla vostra domanda, inviatecela compilando il modulo a vostra disposizione cliccate qui